Si sa: le parole ci mettono in comunicazione con noi stessi e con gli altri. Ci aiutano a spiegare il significato delle cose che osserviamo e delle situazioni che viviamo. Con le parole ci esprimiamo e comprendiamo, anche se talvolta abbiamo l’impressione di non riuscire a cogliere il loro significato più profondo. Qualcuno le definisce addirittura come un insieme di vocaboli che rappresenta il linguaggio dell’anima. Ma che impatto hanno su di noi e sugli altri?

È stato dimostrato che le parole influenzano il nostro stato d’animo, e il nostro stato d’animo influenza i nostri comportamenti che, scontato dirlo, condizionano i risultati che otteniamo. Ecco perché è così importante scegliere con cura le parole che utilizziamo e non sottovalutare la loro importanza, e questo a prescindere che vengano impiegate per il nostro dialogo interno o per comunicare con un altro essere umano. Di seguito, quattro consigli utili.

SCEGLI I VOCABOLI GIUSTI | Ammettiamo che qualcosa sia andato storto: quali parole sceglierai per descrivere la situazione che stai vivendo? “Ho avuto un problema; oppure… è successa una tragedia; oppure ancora… ho una situazione da risolvere”? Se rileggerai queste tre affermazioni e ascolterai le emozioni che ti suscitano, capirai subito che in base alla risposta che dai il tuo stato d’animo cambia. Ci sono vocaboli che apparentemente hanno lo stesso significato, ma al lato pratico hanno un impatto emotivo diverso. Pensa ad esempio ad un’esperienza positiva che hai vissuto: è stata piacevole, bella, magnifica o straordinaria? Scegli con cura le parole da inserire nelle tue frasi e ricordati: le parole che sceglierai influenzeranno il tuo stato d’animo.

USA CORRETTAMENTE IL VERBO ESSERE | Troppo spesso, quando ci incolpiamo o riprendiamo un’altra persona, lo facciamo nella maniera più sbagliata di tutte. Dire “Sei uno stupido” è molto diverso dal dire “hai avuto un comportamento da stupido”. Nel primo caso, stai accusando la persona e mettendo in dubbio la sua identità, mentre nel secondo caso stai mettendo in dubbio i suoi comportamenti. E fidati, c’è una grande differenza. Consiglio per l’uso: se vuoi fare un complimento a te stesso o qualcun altro, usa pure il verbo essere. Ma se devi accusare o criticare qualcuno, usa il verbo avere e riprendi esclusivamente i comportamenti sbagliati.

FATTI SOLO DOMANDE INTELLIGENTI | Una delle cose più difficili da imparare, ma che è in grado di fare una differenza atomica sui risultati che otteniamo. Lavorando con tante persone, ho notato che molti inciampano e non riescono a procedere perché non sanno farsi le domande giuste. Ad esempio, di fronte ad un problema, se ti chiedi “perché ho questo problema?” ti stai sicuramente facendo una domanda inefficace. Molto più utile, ad esempio, sarebbe chiedersi “se ci fosse una soluzione a questo problema, quale sarebbe?Chi domanda (correttamente) comanda.

PRESTA ATTENZIONE ALLE METAFORE | Le metafore sono immagini, suoni e situazioni che hanno un impatto fortissimo sul nostro inconscio. Sono così importanti perché hanno il potere di trasformare concetti astratti in immagini concrete. Pensa per esempio ad una persona depressa che dice “la vita è una merda”. Che impatto avrà questa immagine nella sua esistenza? Pensa se solo riuscisse a cambiare quella frase con “la vita è un viaggio fatto di sfide da vincere e situazioni da scoprire”. Come cambierebbero le sue percezioni? Scegli con cura le tue metafore: guideranno i tuoi comportamenti in maniera potente.

Vocaboli, verbi, domande e metafore. Quattro elementi che, se ben gestiti, hanno il potere di cambiare in meglio le nostre vite. E nello stesso momento in cui siamo in grado di cambiare in meglio le nostre vite, siamo in grado di influenzare in meglio anche ci sta vicino. Impara quindi ad essere gentile con te stesso ed a utilizzare le parole giuste: solo così potrai dire di aver contribuito a rendere questo posto un mondo migliore!


VUOI LEGGERE IL PROSSIMO ARTICOLO IN ANTEPRIMA? INSERISCI QUI I TUOI DATI: