Che tu ti sia mai occupato di comunicazione o no, sono quasi sicuro che almeno una volta nella vita avrai sentito il detto che dice  “chi domanda comanda”. Questo concetto, tanto banale quanto potente, funziona molto bene nel campo delle vendite, nelle relazioni efficaci, e anche con noi stessi! Ti è mai successo di  sentirti schiavo del tuo dialogo interno mentre eri intento a ricercare una possibile soluzione ad un problema apparentemente irrisolvibile?

Quando ci troviamo in una situazione simile, la nostra mente inizia a macinare pensieri con lo scopo di risolverla. Ma col passare del tempo, quando la maggior parte delle tentate soluzioni sembra non funzionare, il vero rischio è quello di sentirci imprigionati in una rete di pensieri contorti e una delle poche vie che possiamo percorrere è quella di imparare a porci delle domande di qualità, magari diverse da quelle che abbiamo già sperimentato.

Nel corso di questi anni di formazione e coaching ho imparato l’arte di fare domande, e la definisco arte perché, spesso, una domanda ben formulata ci permette di osservare il problema da una nuova prospettiva e di risolvere il rebus. Ma quali sono le domande che ogni tanto dobbiamo farci, e che potrebbero prevenire molti dei dubbi che ogni tanto ci assalgono e per i quali proviamo un senso di inadeguatezza? Vediamole insieme!

1 | In una scala di valori da 1 (per niente) a 10 (il massimo), quanto sono realmente appagato della vita che sto vivendo?

2 | Che cosa vorrei ottenere/vivere di nuovo o di diverso in questo momento della mia vita per migliorare la mia situazione e portarla ad un livello superiore?

3 | A quali risultati dovrei ambire per andare in quella direzione?

4 | Che cosa devo fare per far sì che quei risultati accadano veramente? Quali azioni devo mettere in campo?

5 | Definiti i risultati, qual è la prima azione concreta che posso fare già oggi?

6 | Rispetto a tutti i traguardi che ho raggiunto fino ad oggi, compresi quelli che ho semplicemente sognato e mai realizzato, quali sono gli insegnamenti che ho acquisito e che mi aiuteranno a ridurre il rischio di fallimento e ad aumentare le probabilità di successo in questo nuovo percorso?

7 | Chi sono in questo momento della vita, e come posso diventare una persona migliore?

8 | Che cosa mi rende insoddisfatto, e che cosa posso fare oggi per invertire questa sensazione?

9 | Che cosa voglio vedere realizzato nella mia vita da qui ai prossimi 5 anni?

10 | In che modo, concretamente, mi sarò accorto di aver raggiunto ciò che desideravo?

11 | Quali vantaggi porterebbe, il cambiamento che desidero, nella mia vita e nella vita delle persone che amo?

12 | Che cosa potrebbe ostacolarmi nel raggiungere ciò che maggiormente desidero?

13 | Chi può aiutarmi a realizzare tutto questo? Chi sono i miei alleati?

14 | Per chi, o per che cosa, posso essere entusiasta già oggi?

15 | In che modo la miglior versione di me stesso approccerebbe a questo cambiamento?

16 | Che cosa farei già adesso se fossi certo di non fallire e di riuscire al 100% nel mio intento?

17 | Chi posso sorprendere oggi con un dono o un’espressione di riconoscenza?

18 | Quali sono 3 cose per le quali sono estremamente grato oggi?

Fermarsi ogni tanto e farsi queste domande permette alla nostra mente di fare un’efficace punto nave: definire ciò dove ci troviamo nell’oceano dei nostri pensieri e a quale destinazione stiamo puntando. Chi domanda comanda! E se alle tue domande trovi anche le risposte giuste (e capisci che sono giuste perché ti “suonano” dentro), allora non ti resta che spiegare le vele e continuare a correre nella direzione dei tuoi sogni.


VUOI LEGGERE IL PROSSIMO ARTICOLO IN ANTEPRIMA? INSERISCI QUI I TUOI DATI: